Stone World parla di noi " A global stone operation"

Fondato più di tre decenni fa, Stocchero Attilio & C. s.r.l. con sede a Verona, è esportatore di una vasta gamma di prodotti in pietra naturale di alta qualità

Bastano pochi minuti di visita presso gli uffici ed i capannoni di Stocchero Attilio & C. s.r.l. a Verona, in Italia, per realizzare che l'azienda gestisce un'operazione di prim'ordine. Oltre alla straordinaria gamma di materiali in pietra naturale, lo stabilimento è dotato di macchinari all'avanguardia, che consentono a Stocchero Attilio di produrre materiali di alta qualità, accontentando sempre le richieste dei propri clienti.

Fondata nel 1983, l'azienda è di proprietà del Sig. Giorgio Stocchero, che è entrato a far parte del mondo della pietra naturale in gioventù. "Quest’azienda è stata avviata 35 anni fa", ci racconta. "Ho iniziato quando ero uno studente, nel 1985. Passavo mezza giornata prestando servizio militare e l'altra metà qui [in azienda.]"

rivista articolo stone world 44Il Sig. Stocchero ci racconta che suo padre, il Sig.Attilio, iniziò nel settore lapideo nel 1965: “Inizialmente, lavorò con suo fratello e suo cognato, che dopo un anno fondò la Cereser Marmi SpA. Mio padre è spesso qui in azienda e controlla ogni giorno il cantiere ed i vari reparti di produzione ".

Attualmente, il mercato degli Stati Uniti rappresenta circa il 35% delle esportazioni di Stocchero Attilio. Il Sig.Stocchero ha spiegato che l'azienda ha rapporti tramite  rappresentanti in alcune parti del Paese mentre in altre, i distributori importano direttamente il suo materiale.

"Quando ho iniziato nel 1985, lavoravamo principalmente con il mercato Europeo - Germania e Paesi dell'Europa settentrionale", afferma il Sig. Stocchero. "Nel 2005, abbiamo iniziato a produrre grandi volumi negli Stati Uniti. Lavoriamo molto in California e in Florida".

Con una domanda di mercato così elevata, la produzione dell'azienda è sempre vivace. "Ogni giorno c'è molta attività", ha spiegato Matteo Vicenzi, che lavora come agente commericale. "Possiamo arrivare a ricevere da otto a dieci blocchi grezzi al giorno, caricare venti camion e quattro contenitori di lastre per I nostri clienti." Oltre agli Stati Uniti, Stocchero Attilio esporta i suoi materiali in tutto il mondo.

Un totale di 240.000 metri quadrati di lastre tagliate vengono conservati nei capannoni della struttura, oltre allo stock di blocchi grezzi. Due aree all’interno dell’azienda sono dedicate all’esposizione dei materiali - una per i marmi ed i graniti speciali ed una costruita l'anno scorso per le quarziti più esclusive, provenienti principalmente dal Brasile. "Abbiamo circa 500 tipi di pietra", ha detto Vicenzi. "Siamo sempre all’avanguardia nelle nostre offerte, grazie ai nostril collaudatori in continua ricerca di nuovi materiali in tutto il mondo ".

Avendo tanto materiale all’interno della struttura, Stocchero utilizza un sistema digitale per mantenere tutto organizzato. "Grazie ad un Sistema di codice a barre che identifica tutti i singoli materiali durante il processo produttivo, siamo in grado di avere in ogni momento un perfetto identikit di ogni lastra presente nei nostri magazzini", ha spiegato Vicenzi.

Secondo Vicenzi, le lastre in ceramica di pietra sintetizzata sono diventate molto richieste, in particolare in Europa. Di conseguenza, l’azieda è da sei anni rivenditore ufficiale di Lapitec per la Germania ed il Benelux.

 

rivista articolo stone world 42

UN FUNZIONAMENTO HIGH-TECH

L'impianto di produzione è dotato di tre linee di lucidatura per granito, due Breton e una Simec, una linea di calibratura, nonché una linea di lucidatura breton per marmo. La colla Tenax viene utilizzata per riempire le lastre di marmo. "L'utilizzo dei prodotti Tenax è una cooperazione logica con un'azienda leader nel mondo riconosciuta nel settore delle colle e delle resine", ha spiegato Vicenzi. "Inoltre, c'è una lunga storia di amicizia tra le due famiglie di proprietari".

Inoltre, l'impianto di produzione ospita due linee di resina. "Un paio di anni fa, abbiamo ottenuto un sistema di resina Breton, che è più adatto per materiali più fragili e difficili. La resina diventa più profonda grazie a un sistema di aspirazione "ha dichiarato Vicenzi. L'azienda si affida alle resine bicomponenti Tenax per riempire e rinforzare le sue lastre.

La più recente aggiunta alla linea di produzione è una linea di resina Pedrini B460MW, completa di braccio robotico. "È un sistema a microonde molto moderno per garantire il miglior risultato", ha detto Vicenzi, aggiungendo che la macchina è dotata di resina epossidica Tenax. "Il processo di resinatura è molto importante in questi giorni. È sicuramente importante quanto la lucidatura stessa. "

Con un tale arsenale di attrezzature, Stocchero Attilio è pronto a soddisfare le richieste dei clienti. Con l'intero negozio e le due grandi aree espositive per tutte le lastre finite, i clienti sono invitati a visionare tutti i prodotti. "Abbiamo la capacità di produrre grandi quantità in un giorno, in diversi materiali e, naturalmente, dobbiamo essere in grado di offrire e mostrarli tutti alla più ampia gamma di clienti", ha affermato Vicenzi.

Jennifer Richinelli

da "Stone World" dec. 2018

Download here the original article